Terapia parodontite

dr. Deodato - Bari

Terapia parodontale

  • articolo a cura del Dr. Enrico Deodato

La Parodontologia è una branca dell’Odontoiatria che si interessa esclusivamente della prevenzione, della diagnosi e del trattamento di tutte le patologie che colpiscono e danneggiano il parodonto, cioè l’insieme dei tessuti duri e molli dei denti, quindi la gengiva, il legamento parodontale, il cemento radicolare (tessuto che ricopre la radice del dente), l’osso alveolare e la mucosa perimplantare. Nella prima fase (denominata gengivite) l’infiammazione interessa esclusivamente la gengiva, provocandone gonfiore e sanguinamento; nella seconda fase (Piorrea), qualora l’infiammazione non venga arrestata, si possono verificare gravi danni al tessuto osseo e al legame parodontale, che determinano, nei casi più gravi, la perdita dei denti.

Le patologie degenerative, che interessano questi tessuti, sono denominate malattie parodontali, parodontopatie o piorrea (termine usato comunemente nella popolazione).
Cos’è la Parodontite o Piorrea: sintomi, cause e trattamenti?
La Parodontite o Piorrea è una grave infezione patologica che colpisce il parodonto. Se non adeguatamente diagnosticata e trattata può causare anche la perdita totale dei denti, per il progressivo riassorbimento dell’osso e del tessuto gengivale, da cui sono sostenuti. In Italia, secondo le ultime statistiche medico-scientifiche, ne soffre circa il 70% della popolazione. Essendo una malattia silente, il più delle volte, il paziente non si rende conto della gravità di tale patologia. Oggi, grazie alla moderna tecnologia, può essere diagnosticata tempestivamente ed essere curata con successo. La figura professionale che si occupa della cura di tale malattia è il Parodontologo.
La placca, non rimossa, si mineralizza diventando tartaro. Le tossine prodotte dai batteri patogeni anaerobi della placca infiammano i tessuti parodontali. Allontanando l’osso alveolare dal tessuto gengivale, si insinuano in profondità, provocando la formazione di tasche parodontali, in cui i batteri si riproducono a dismisura, distruggendo le cellule responsabili della riproduzione ossea dei denti. Le tossine prodotte da questi batteri portano ad un forte sanguinamento delle gengive. Inoltre studi recenti hanno dimostrato che queste tossine penetrando nei vasi sanguigni, possono provocare l’instaurarsi di malattie gravi come Ictus, malattie cardiache, pancreatite, diabete ecc..

Essendo una malattia silente, non è facile riconoscere i primi sintomi. Per aiutarsi nell’autodiagnosi vi forniamo un breve elenco con i sintomi maggiormente riportati dai pazienti:

  • Gengive doloranti, tumefatte, gonfie e tese;
  • Gengive che sanguinano al passaggio di spazzolino o filo interdentale;
  • Aumento degli spazi interdentali;
  • Recessione gengivale;
  • Alitosi;
  • Comparsa di pus fra i denti e le gengive;
  • Aumentata sensibilità;
  • Mobilità dentaria.

I “fattori causa” di tali patologie possono essere:

  • una scarsa od errata igiene orale (non dimentichiamo che la placca dopo 8 ore inizia a mineralizzarsi in tartaro);
  • il fumo di sigaretta (secondo alcuni studi, i fumatori hanno maggiore probabilità di contrarre la piorrea);
  • una predisposizione genetica (è possibile verificare con un semplice prelievo di saliva se il paziente è predisposto o meno alla piorrea);
  • una sbagliata alimentazione;
  • lo stress;
  • le alterazioni ormonali, soprattutto durante la gravidanza (forti fluttuazioni ormonali favoriscono l'insorgenza di gengivite e parodontite);
  • malattie come il diabete, l’artrite reumatoide, la glicemia e l’AIDS;
  • l’uso di determinati farmaci (come antidepressivi, antiepilettici, contraccettivi ecc..).

La diagnosi di tale patologia consiste nell’effettuare specifici esami radiografici e parodontali (Sondaggio, test genetico, test microbiologico ecc.) che permettono di valutare il grado di infezione e gli eventuali trattamenti da eseguire, per evitare l’avanzamento del recesso gengivale. Successivamente lo specialista interviene sulle cause infiammatorie, tramite lo Scaling ed il Root Planing. Terminata questa fase di intervento, il paziente, se necessario, può sottoporsi a determinate terapie di tipo chirurgico e non, che permettono di rimodellare la gengiva, eliminando le tasche parodontali.

La piorrea è curabile?
La piorrea è una patologia subdola ma, oggi è possibile curarla, bloccando l’andamento degenerativo.
La prima fase del trattamento mira a migliorare l'igiene orale del paziente, rendendolo consapevole della sua importanza. Se il paziente collabora, la terapia iniziale permette di migliorare le condizioni parodontali. Se si tratta soltanto di gengivite, i tessuti possono guarire, tranquillamente, senza postumi.
Da una parte c’è la paura di perdere i denti, dall’altra la possibilità di prendersene cura. Il nostro suggerimento è quello di effettuare sempre un’accurata igiene orale, sia quotidianamente, a livello domiciliare, che mensilmente (ogni 6 mesi), a livello professionale, per evitare che insorgano tali disturbi ed infiammazioni.

Siamo noi i primi responsabili della Nostra salute!

 

Dr. Enrico Deodato

Dr. Enrico Deodato

Iscrizione all'Albo degli Odontoiatri della provincia di Bari N. 873


Dr. DEODATO Enrico - Via Martin Luther King, 37 - 70124 Bari - Poggiofranco → PI 03964800720
declino responsabilità | privacyenricodeodato@gmail.com

Iscrizione all'Albo dei Medici Chirurghi della Provincia di Bari N. 8427 - Iscrizione all'Albo degli Odontoiatri della provincia di Bari N. 873
Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università Degli Studi di Bari nel 1987.
Tutte le informazioni pubblicate nel presente sito web sono diramate nel pieno rispetto delle linee guida del Codice di Deontologia Medica sulla "Pubblicità dell'informazione sanitaria" del 06/04/2007.
AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non devono essere intese come sostitutive del parere clinico del medico, pertanto non vanno utilizzate
come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via e-mail vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento.
La visita medica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.



© 2015. «powered by Dentisti Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.